venerdì 8 aprile 2016

Recensioni in 10 righe: "Lolita" di Vladimir Nabokov


Eh, certo, non è una novità letteraria. Ma, come ormai avrete intuito, le mie letture seguono dei criteri selvaggi che valli a capire... Insomma, io di questo libro conoscevo parecchi brani, molte recensioni e citazioni, avevo visto il film di Stanley Kubrick (bellissimo e non del tutto fedele, ora lo so, al romanzo per questioni di censura), ma non l'avevo mai assaporato integralmente. Sapete, quei classici di cui si parla talmente tanto che si finisce per credere di averli già letti. Beh, invece è stata una magnifica sorpresa, questo romanzo. Cupo, triste, ossessivo e folle. Stiamo, nostro malgrado, dall'inizio alla fine, nella mente malata di un pedofilo e, quel che è peggio, vediamo evaporare quei bei confini rassicuranti che distinguono noi da lui; stiamo scomodi, in quella posizione, eppure continuiamo a leggere perché, anche noi, siamo chiusi nella sua stessa prigione, incatenati al suo amore disperato e sordido. L'autore sostiene di non aver voluto insegnare nulla a nessuno, con questa storia: "Lolita", dice, è "il resoconto della mia storia d'amore con la lingua inglese". In effetti, leggere queste pagine è stato un vero piacere, un piacere sempre più raro, e prezioso.


Voto: ***** 

2 commenti:

  1. Di solito non leggo recensioni, forse le dieci righe mi hanno attratto e... Beh, che dire? Hai detto tutto in poche parole. Tutto quel che si può dire, almeno, poi c'è quel che non si può spiegare a parole: le sensazioni, le emozioni paradossali, d'amore e d'odio, di speranza e di disillusioni che Nabokov riesce a tirar fuori dal suo libro, che il lettore finisce per tirar fuori anche senza volerle, anche rifiutandole, perché sgorgano violente, a tratti sadiche.

    Mon Dieu, tra un po' il mio commento sarà più lungo della tua recensioni. Ma forse era anche un po' questo il tuo scopo, può esser?

    Un saluto e alla prossima!

    RispondiElimina
  2. Ciao Claudio. Hai ragione: le mie mini-recensioni non vogliono raccontare o interpretare il libro, ma solo riferire le mie impressioni e la mia esperienza di lettrice (buona o cattiva che sia). Nella speranza di suscitare la curiosità o i ricordi di chi ha un minuto per leggere le mie 10 righe :-D

    RispondiElimina