mercoledì 1 luglio 2015

Recensioni in 10 righe: Maria Perosino, Io viaggio da sola

 


A volte mi è risultato un po' noioso, ma le premesse mi sono piaciute: da viaggiatrice solitaria ho fatto i viaggi più emozionanti della mia vita e condivido assolutamente l'idea che viaggiare da sola non sia un ripiego. Meno utili i consigli, forse perché un po' datati: oggi per trasportare i libri basta un ereader, e viaggiando low cost non c'è modo di portarsi tutti quei cosmetici. O anche perché davvero ognuno ha i suoi gusti, quando viaggia: io per esempio preferisco un hotel carino anche se meno comodo, l' idea di una camera uguale a mille altre mi mette tristezza. In generale sono piacevoli gli aneddoti e sarebbe forse stato meglio dar loro più spazio, invece hanno solo posti in piedi e tra parantesi e la fanno invece da padrone riflessioni un tantino criptiche e di modesto interesse per il lettore. Soprattutto perché non sempre quelle riflessioni sono chiaramente connesse con gli aneddoti, e spesso sembra un po' esagerato lo sforzo di creare una relazione. Ad ogni modo è un libro vagamente ottimista, cosa che di questi tempi si apprezza. 

Voto: ** e mezzo

Nessun commento:

Posta un commento