lunedì 5 gennaio 2015

Impagabili recensori



La stroncatura: terrore di ogni scrittore, sedicente o affermato.
Ai tempi del web non è più necessario essere finissimi letterati, professoroni imbottiti di cultura per esprimere la propria opinione. In un esercizio audacissimo e assolutamente inopportuno di democrazia, lettori semianalfabeti possono oggi dire la loro su chiunque e su qualsiasi opera, comprese quelle considerate intoccabili e immortali. Fino ad ora. Adesso anche Omero e Boccaccio hanno i loro buoni motivi per rivoltarsi nella tomba.

F. SCOTT FITZGERALD, Il Grande Gatsby
Il grande Gatsby o dell'inutilità
Voto *
Assolutamente inutile privo di profili dei personaggi che si limitano a vivere una storia tutto sommato banale che nel complesso mi sento di classificare come un'americanata nel senso deteriore del termine.

ITALO SVEVO, La coscienza di Zeno
Un fastidioso inetto
Voto **
Il libro si pone alla fine di un ideale percorso della figura di inetto elaborata da Svevo nei suoi romanzi. Il protagonista, Zeno Cosini, è assolutamente consapevole della propria inettitudine, vi convive e addirittura pare compiacersi di questa suo aspetto. Zeno mi è risultato fastidioso come pure le vicende narrate e pertanto non ho concluso la lettura.

C. BUKOWSKI, Compagno di sbronze
Voto *
una vera vera delusione senza alcuna sobrietà
il mondo degli alcolizzati non lo capisco... inutilmente volgare fatto apposta per indispettire ma in realtà noioso e vomitevole troppo sboccato, senza senso

BOCCACCIO, Decameron
Voto **
noiosetto
lunghissimo e piuttosto monotono, divertenti alcune storie ma il linguaggio aulico lo rende pesante da seguire e a volte di difficile comprensione

OMERO, Iliade
Voto *
A dire il vero non ce l'ho fatta a leggerla. Troppo impegnativo. Volevo una scrittura semplificata
A dire il vero non ce l'ho fatta a leggerla.
Troppo impegnativo.
Volevo una scrittura semplificata.
Un racconto che mi prendesse

D. GROSSMAN, Caduto fuori dal tempo
Voto **
Per ragazzi
Mi sarebbe piaciuto aver saputo prima che si tratta di un libro per ragazzi. Ne ho letto un terzo poi l'ho lasciato; avventure molto improbabili, ma forse, non me ne intendo ovviamente, accettabili per i giovani. Comunque ammetto che è un giudizio falsato dalla delusione. Se avete dei ragazzi, regalatelo senza timore, è sempre uno scrittore di grande pregio e non fa certamente male leggere della prosa ben fatta.

L. ARIOSTO, Orlando Furioso
Voto *
Aiuto
Sicuramente molti grideranno allo scandalo per quanto riguarda la mia recensione, ma questa palla non ho intenzione di portarla a termine... perché l'ho comprato???

L. TOLSTOI, Anna Karenina
Voto **
troppo noioso
La trama si riassume in poche righe. La tragedia di una donna sposata che si innamora di un giovane militare e i tormenti suoi e della sua famiglia, il tutto in un ambiente di nobili legati da un codice e da un'etichetta di comportamento con regole molto rigide e nette.
I sentimenti sono celati e/o svelati "ad hoc".
La protagonista non riesce a sostenere il peso di tutto ed infatti riflettendo dice Al fatto che non riesco ad inventare una situazione in cui la vita non sia un tormento".


G. VERGA, Mastro Don Gesualdo
Voto **
Niente di speciale
Una romanzo noioso e banale... un intreccio di tradimenti e relazioni varie di Gesualdo... una storia di Paese che personalmente mi ha annoiato. Per non parlare della fine che fa lui. Passabile.

U. FOSCOLO, Le ultime lettere di Jacopo Ortis
Voto *
noia
adoro lo stile di scrittura degli autori d'un tempo, ma Foscolo mi ha proprio deluso. mi aspettavo molto di più


I.U. TARCHETTI, Fosca
Voto *
Un libro che nessuno dovrebbe mai leggere
L'ho dovuto leggere per forza e devo dire che è stata una lenta e fastidiosa agonia. Lo auguro al mio peggior nemico.


J. AUSTEN, Orgoglio e pregiudizio
Voto *
Polpettone amoroso di autrice ventenne ambientato nell'Inghilterra di fine '7oo.
Sono arrivato soltanto a metà, ma se non sale di tono penso che non riuscirò a finirlo.
Lettura adatta per gli amanti di quel genere letterario


ANNA FRANK, Diario
Voto **
un pó noioso
È un bel libro, scritto in modo semplice ed è una storia che bisogna conoscere. Peró circa a metà l'ho trovato un pó noioso dato che continua a parlare delle stesse cose.

E. BRONTE, Cime tempestose
Voto **
un pacco
Questo libro l'ho letto con una tale lentezza!!! E' pesante, noioso, dalla scrittura per niente scorrevole...non lo consiglio!
Se vi dovesse comunque attrarre la storia, trovate il film che forse è meno pesante.

O. WILDE, Il ritratto di Dorian Gray
Voto *
Libro noioso e pesante
Devo dire che questo romanzo mi ha veramente deluso. Il più noioso che abbia letto ultimamente! La storia di per se è bella ma è strapiena di monologhi, riflessioni veramente pesanti da leggere! Non vedi l'ora di finirlo e passare ad altro.

VOLTAIRE, Candido
Voto *
Bah
Voltaire è un grande pensatore, su questo non c'è dubbio... Proprio per questo mi aspettavo di più, un po ripetitivo.

Tutte le recensioni sono assolutamente vere, tratte da Amazon, Kobo store e altre librerie del web. A volte non ho resistito e ho corretto qualche errore di ortografia.
Se il genere letterario vi diverte, su Lo stroncatore trovate pane per i vostri denti.

Nessun commento:

Posta un commento